chi siamo

la storia dell’edificio

istituto il nuovo bianchi

la storia

Il Nuovo Bianchi, già Collegio Bianchi dei Padri Barnarbiti, si riconosce e trova la sua identità nella plurisecolare tradizione culturale ed educativa dei Padri, presenti a Napoli fin dal 1600 con i collegi di S. Maria in Cosmedin a Portanova e di S. Carlo alle Mortelle.
Oggi continua la sua attività educativa grazie alla passione, all’amore per la cultura, per la Città e per il sistema valoriale trasmesso dai padri fondatori, di alcuni ex Alunni.

Il Nuovo Bianchi, già Collegio Bianchi dei Padri Barnarbiti, si riconosce e trova la sua identità nella plurisecolare tradizione culturale ed educativa dei Padri, presenti a Napoli fin dal 1600 con i collegi di S. Maria in Cosmedin a Portanova e di S. Carlo alle Mortelle.

Oggi continua la sua attività educativa grazie alla passione, all’amore per la cultura, per la Città e per il sistema valoriale trasmesso dai padri fondatori, di alcuni ex Alunni.

Preziosissimo, per la riuscita del progetto, è stato il sostegno della Fondazione Grimaldi ed il supporto dei più stimati professionisti del mondo della scuola della nostra città e anche di fuori regione.
Sostenuti dalla Dirigente Scolastica Angela Procaccini, scelta per la sua professionalità ed esperienza nel settore scolastico, gli ex Alunni intendono continuare la secolare tradizione di eccellenza della Scuola Primaria.
Il proposito è, quindi, portare avanti la tradizione culturale ed educativa dei padri Barnabiti adeguandola alle esigenze e ai mutamenti tecnologici odierni per offrire una completa formazione culturale, umana, sociale e religiosa.

Generazioni di allievi e di maestri sono passate per le mura di questo Istituto, realizzando le finalità del progetto educativo offerto e affermandosi nel mondo del lavoro e delle professioni.

la vita del santo

l’edificio

L’ edificio in cui risiede l’Istituto Bianchi, è sito in Piazza Montesanto, attiguo alla chiesa parrocchiale S. Maria di Montesanto, con una facciata quasi anonima che non fa certo intravedere quanto di armonioso e maestoso insieme si trova al suo interno.

La costruzione della chiesa e dell’Istituto (che ne era l’annesso convento) iniziò nel 1647 a opera degli architetti Marino e Lazzari su incarico dei Padri Carmelitani, chiamati a Napoli da Giuseppe Caracciolo, principe della Torella; i religiosi siciliani intesero così esprimere la loro devozione alla Madonna del Carmine il cui culto avevano portato con loro.

Nel 1809 i Padri Carmelitani furono cacciati a seguito della soppressione napoleonica, la chiesa fu chiusa e il convento fu confiscato dal demanio. Pochi anni dopo esso fu acquistato da un privato cittadino, Gioacchino Falcone, il quale a sua volta, nell’ottobre del 1870, lo cedette al Provinciale dei Barnabiti, Padre Luigi Aguilar.
Questi, con un lavoro e un tempismo eccezionali, poco più di un mese dopo riusciva a inaugurare l’anno scolastico.

Mission
Innovazione nella tradizione.

Nel solco della tradizione dei Padri Barnabiti, persiste nei promotori dell’Istituto Paritario “Nuovo Bianchi” (tutti professionisti ed ex alunni), il convincimento che è dolce la sapienza per coloro che sono illuminati dalla fede (dulcis sapientia mundis). Il motto dell’Istituto viene reinterpretato in chiave moderna e quindi “come innovazione nella tradizione”. Solo la crescita equilibrata permette all’uomo di migliorare se stesso e il mondo circostante e vivere in armonia con gli altri. Per questo motivo Il Nuovo Bianchi è la scuola di Legalità, di Ambiente e di tradizione Cristiana: si intende infatti sviluppare nelle donne e negli uomini di domani, senza distinzioni socio-economiche, una personalità virtuosa e una forte sensibilità ecologica, civica e sociale.

Centralità dei genitori nel progetto formativo

L’Istituto dà importanza alla collaborazione tra scuola e famiglia, favorendo il ruolo dei genitori come “primi” educatori nel formare gli alunni nelle diverse fasi della crescita. Infatti, molteplici saranno le occasioni d’incontro e confronto con le famiglie. Questo per far sì che ogni genitore possa essere protagonista principale della crescita formativa del proprio figlio e partecipare alla vita della scuola, sentendosene parte attiva e integrante.
A tale scopo sono previsti incontri informativi periodici, individuali, collegiali e straordinari, per analizzare e seguire il percorso formativo, i progressi ed eventuali interventi a favore dell’alunno.

Agevolazioni

I figli dei dipendenti degli enti sottoelencati possono usufruire di sconti dedicati:

  • Forze dell’ordine ( Polizia di Stato, Guardia di Finanza, Carabinieri, Protezione Civile)
  • Associazione Nazionale Carabinieri
  • Dipendenti della Provincia di Napoli
  • Dipendenti Poste Italiane
  • Ospedale Vecchio Pellegrini
  • INPS
  • Agenzia delle Entrate
  • Istituti Bancari
Rapporti con enti esterni

Siamo aperti alle iniziative del territorio e collaboriamo con Istituzioni e organismi che hanno come obiettivo l’educazione dei giovani e il loro inserimento nell’odierna società.
Le realtà culturali del territorio con cui l’Istituto collabora ed ha delle convenzioni sono:

  • Fondazione Napoli 99
  • Associazione MareVivo ONLUS
  • Comune di Napoli
  • Associazione Nazionale Carabinieri
  • Istituto Français Grenoble

A ciò si aggiungono interessanti incontri con il Comune di Napoli (II Municipalità) per rendere fin dall’inizio i bambini consapevoli della Cittadinanza e della Costituzione, argomenti fondamentali per i cittadini del domani onde renderli partecipi di interessanti percorsi formativi che tendono ad Educare senza annoiare.